#Coronavirus #Normativa #Notizie

“Sistema dei Servizi Sociali – Emergenza Coronavirus” – Circolare del Ministero del Lavoro

In data 27/03/2020 è stata pubblicata la Circolare 1 del Ministero del Lavoro con  oggetto il “Sistema dei Servizi Sociali – Emergenza Coronavirus“, a firma del nuovo direttore del settore, Angelo Marano.

Nella Circolare vengono fornite puntuali indicazioni circa:

  • Reddito di cittadinanza: la sospensione dei termini per la convocazione dei beneficiari e per la sottoscrizione del patto per l’inclusione sociale e del patto per il lavoro.
  • Continuità dei servizi: viene precisato che non è prevista la sospensione delle attività dei servizi sociali.
    Fra altro:

    • Non è prevista alcuna sospensione per consultori, SERT, centri diurni, centri per senza tetto o Centri diurni per persone con difficoltà di carattere sociale, compresi i servizi di mensa, igiene personale ecc., empori sociali per persone in povertà estrema, centri polivalenti per anziani e persone con disabilità, centri di ascolto per famiglie che erogano tra l’altro consulenze specialistiche, attività di mediazione familiare e spazi neutri su disposizione dell’autorità giudiziaria, centri antiviolenza [si ritiene comprensivi dei centri anti tratta], nella misura in cui assicurano servizi strumentali al diritto alla salute o altri diritti fondamentali della persona.
    • Le associazioni di volontariato che somministrano pasti o servizi alle fasce di popolazione debole, possono continuare ad erogare i loro servizi. È comunque opportuno che tali attività vengano sottoposte a coordinamento da parte dei servizi sociali pubblici territoriali.
  • Indicazioni circa ambiti di attività particolarmente critici: sono fornite indicazioni per i servizi:
    • Senza fissa dimora
    • Servizi domiciliari
    • Colloqui telefonici con i soggetti in carico
    • Violenza domestica.
  • Operatori sociali: viene ricordato, in particolare, che i responsabili dei servizi sociali dovranno assicurarsi che anche nel caso di servizi esternalizzati gli operatori vengano messi in grado di operare in sicurezza.
  • Risorse:  viene sottolineato il possibile ricorso ai fondi del PON Inclusione FSE 2014 – 2020 o del “Piano per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà 2018-20” a valere sulla quota servizi del Fondo nazionale per la lotta alla povertà, riservandosi di procedere a successivi atti per l’individuazione puntuale di risorse aggiuntive.

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum