#Coronavirus #Diritti #Notizie

#NonTiLasciamoSola: i centri antiviolenza a supporto delle donne in difficoltà

26 Marzo 2020 – Se sei costretta in casa con un partner violento, soprattutto in questi giorni di emergenza, le associazioni e i centri anti violenza ci sono per darti tutto l’ascolto e il supporto di cui hai bisogno.

#NonTiLasciamoSola. Oltre al numero nazionale 1522 sempre attivo, puoi chiamare direttamente i centri anti violenza del tuo territorio, magari memorizzando i loro numeri con il nome di un’amica e approfittando dell’uscita per fare la spesa, per andare in farmacia o per buttare la spazzatura.

E se fare una telefonata è troppo complicato, puoi contattare i centri anti violenza, anche inviando un sms o avviando una chat su WhatsApp o Messenger. Di seguito i contatti dei progetti avviati in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia dalla Fondazione CON IL SUD: numeri e persone sono attivi h24 per garantirti ascolto e sostegno.

 

CALABRIA

CAMPANIA

PUGLIA

SICILIA

Casa Protetta per le donne vittime di violenza
Telefono 392 5512900, 333 811 3069

 

#NonTiLasciamoSola è una campagna promossa da Fondazione CON IL SUD e 9 progetti di contrasto alla violenza di genere: AmorùBE HELP-ISD.E.A.R. – Donne Emersione Autonomia ReteS.A.L.V.A.  Sostegno alle Azioni di Lotta contro la Violenza per l’AutonomiaSostegno Antiviolenza Rete Attiva – S.A.R.A., Stelle e luciS.V.O.L.T.A.R.E.Un’altra via d’uscitaVia delle Donne – Sanfra.
Scopri di più al seguente link.

Si segnala, inoltre, la campagna “Libera puoi” del Dipartimento per le Pari Opportunità, rilanciata a sostegno delle donne vittime di violenza durante la difficile emergenza causata dall’epidemia da Covid19. I numerosi testimonial dal mondo della musica e dello spettacolo ribadiscono la possibilità di chiamare il 1522, attivo H24, e di scaricare l’app “1522”, disponibile su IOS e Android, che consente di chattare e quindi di chiedere aiuto e informazioni in sicurezza, senza correre il rischio ulteriore di essere ascoltate.

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum