#Migranti #Associati

Arci: “Bene sentenza Corte Costituzionale, sia primo passo verso cancellazione decreti sicurezza”

ROMA, 10 LUGLIO 2020 – Ancora una volta l’Alta Corte è dovuta intervenire per fermare un uso strumentale e propagandistico della legge.

L’incostituzionalità della norma che impediva l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo, già di fatto anticipata dalle numerose sentenze dei tribunali ordinari, è il primo passo verso la cancellazione, che da subito abbiamo chiesto raccogliendo decine di migliaia di firme e scendendo in piazza con la campagna Io Accolgo, dei decreti voluti dalla destra xenofoba per criminalizzare gli stranieri, cancellando i loro diritti per convincere gli italiani che in questo modo saremmo stati meglio “noi”.

Se a cancellare quelle norme fosse stata la nuova maggioranza, subito, nell’autunno scorso, senza dover sempre aspettare l’intervento della magistratura, forse la cultura democratica in questo Paese avrebbe ritrovato un punto di riferimento.

Purtroppo a quasi un anno di distanza i due decreti sicurezza sono ancora lì, con tutta la loro carica di veleni e di gas mefitici, ad asfissiare la nostra democrazia.

Facciamo appello alla maggioranza affinché si arrivi subito ad un intervento che cancelli questa vergogna dalla nostra legislazione.

Ufficio Stampa ARCI APS

06.41609267-68 ufficiostampa@arci.it

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum