#Associati

FITeL: la lotta delle donne iraniane è anche la nostra

Piena solidarietà per le lotte delle donne iraniane e del popolo iraniano tutto.

Il Consiglio Nazionale Fitel si unisce alla mobilitazione mondiale che il coraggio delle donne iraniane sta sollevando dal 16 settembre, quando la ventiduenne Masha Amini muore a seguito delle violenze perpetratele dalla “polizia morale” iraniana perché non indossa correttamente il velo islamico mostrando una ciocca di capelli. Nel paese decine e decine di donne scendono in piazza contro il velo obbligatorio, sfidando l’oppressivo regime teocratico iraniano; e alcuni giorni dopo, durante una manifestazione, è un’altra giovanissima, la “ragazza con la coda”, a perdere la vita colpita da tre pallottole: Hadis Najafi, questo il suo nome.

Le morti di Masha Amini e di Hadis Najafi funzionano da detonatore, e donne e uomini, a partire dagli studenti universitari, si riversano per le strade contro gli abusi di un regime che opprime le donne, viola i diritti umani e civili, le libertà di espressione e sindacale, ed è incapace di affrontare la forte crisi economica in cui versa il Paese, con disoccupazione e povertà ai massimi livelli.

Rischiano la prigione, la tortura, la vita, eppure sono migliaia per le vie di molte città. Gli episodi violenti non si contano, molte e molti spariscono inghiottite/i dalla sanguinaria repressione del regime, per essere in alcuni casi riconosciute/i solo in obitorio. Internet è oscurato, tuttavia le foto delle due ragazze uccise sono virali, il gesto di legarsi i capelli come Hadis è un hastag di emancipazione che fa il giro del mondo in pochi attimi, così come quello di tagliarsi pubblicamente ciocche di capelli. E la protesta è ora marea montante a livello internazionale, dall’Europa agli States l’Occidente è scosso, ancor più nelle ultime ore dopo l’arresto a Teheran della turista italiana Alessia Piperno; le mobilitazioni in ogni dove sono quotidiane al grido “Donne, Vita, Libertà” “Woman, Life, Freedom”.

Per la libertà delle donne iraniane, e per quelle afgane, per tutte le donne oppresse.

 

13 ottobre 2022

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum