#Migranti #Associati

Migranti, Acli: “salvare vite è un dovere, non un crimine” 

L’accanimento degno di miglior causa con cui il Governo persegue l’attività delle ONG che operano salvataggi nel Canale di Sicilia segna un punto ulteriore con l’ennesimo decreto sicurezza che non sembra destinato a sorte migliore di quelli che lo hanno preceduto, visti gli elementi di dubbia costituzionalità che già affiorano alla semplice lettura non del testo – che ancora manca- ma dei contenuti che il Governo ha reso noti. 

Condividiamo l’opinione di mons. Giancarlo Perego, Arcivescovo di Ferrara e Presidente di Migrantes, secondo cui “questo decreto cadrà perché è basato su di un segnale di insicurezza che è fasullo” : il dato di fatto è che il nostro Paese è quello che accoglie molti meno migranti rispetto ad altri in Europa, e che il problema è semmai quello di affrontare una questione ormai strutturale , come è quella dell’immigrazione dal Sud del mondo, non come un complotto o una minaccia all’ordine pubblico, ma come un rilevante problema sociale che deve essere incanalato in forme legali né vessatorie né emergenziali (un’emergenza che è dichiarata tale da quasi trent’anni è un’assurdità) . 

Salvare le persone è un dovere umano, se ancora siamo umani, non può essere considerato un crimine: la penalizzazione dell’attività delle ONG corrisponde più ad un riflesso repressivo di ordine propagandistico che a un’esigenza reale del Paese. 

Comprendiamo che è più facile fare propaganda che affrontare i problemi reali e complessi di fronte a cui si trovano gli Italiani, ma non è così che si governa. 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum