FTS Lazio – “Sindaca Raggi, vogliamo vivere!” Il 5 aprile flash mob a Roma

Mercoledì 5 aprile flash mob per far luce sull’oscura vicenda che ha visto l’associazionismo romano subire ingiuste ed esorbitanti richieste di risarcimento (anche di milioni di euro) da parte del Comune di Roma e della Corte dei Conti, sfratti indiscriminati o sgomberi dalle sedi di proprietà del Comune, dove sono svolte attività di riconosciuto valore socio-culturale.

A testimonianza della “via dolorosa” che sono stati costretti a percorrere e con la morte nel cuore, molti rappresentanti delle associazioni e volontari sfileranno portando ceri accesi e una fascia nera al braccio in segno di lutto.

“Non ci stiamo ad essere gettati nel calderone di “Affittopoli” e ci sentiamo offesi del trattamento riservatoci dal Comune, pur avendo agito sempre nelle regole e nel rispetto delle Istituzioni. Faremo ricorso”, dichiara la presidente dell’Associazione di volontariato ARESAM Onlus (Associazione regionale per la salute mentale), Marinella Cornacchia, che ha organizzato il flash mob insieme alle associazioni che hanno firmato la richiesta di deferimento del Giudice della Corte dei Conti Patti alla commissione disciplinare, il marzo scorso.

Molte delle associazioni colpite dagli sfratti e dalle richieste di risarcimento hanno già aderito all’iniziativa e molte altre parteciperanno a sostegno della lotta per mantenere vivo il volontariato e l’importante lavoro che ogni giorno viene svolto a beneficio di persone fragili e con gravi disagi, che vivono nella nostra città e che non riceverebbero altrimenti risposte adeguate.

Il flash mob si terrà dalle 10.30 a Piazza delle 5 Lune e una delegazione proseguirà “in processione” verso il Campidoglio per consegnare alla Sindaca Raggi un uovo di Pasqua ben augurante, creato ad hoc, con sorpresa: una lettera di puntuali richieste e appelli delle famiglie, con la prospettiva di ridare nuova vitalità e valore alle attività sociali e culturali del territorio romano.