#Coronavirus #Comunicati stampa

Coronavirus. Fiaschi (Terzo Settore): “Il Terzo settore non si ferma. Soddisfatti per la manovra”

Nel decreto Cura Italia diversi i provvedimenti che riguardano anche gli enti del Terzo settore, i suoi dipendenti o collaboratori.

Roma 18 marzo 2020 – Le misure approvate a sostegno delle organizzazioni di Terzo settore vanno nella direzione giusta.” Questo il primo commento della Portavoce del Forum Terzo Settore Claudia Fiaschi al decreto Cura Italia, approvato lunedì dal Consiglio dei Ministri.

Questa crisi sta colpendo duramente anche il nostro mondo, che non è solo un pezzo importante della nostra vita sociale, ma anche dell’economia del Paese, con i suoi 6 milioni di volontari, gli oltre 800 mila occupati e un valore economico pari al 4% del Pil. L’emergenza in atto ci sta mettendo a dura prova. Le nostre organizzazioni, i volontari e gli operatori stanno affrontando con coraggio e responsabilità questo momento difficile, dando un sostegno fondamentale ai cittadini più fragili e con più difficoltà. Tanti volontari e tanti operatori stanno continuando a fornire servizi ad anziani soli o persone malate o con disabilità, a minori, persone con dipendenze, a senza fissa dimora e migranti, attivandosi anche con forme di sostegno a distanza. La nostra missione resta intatta: non lasciare indietro né solo nessuno” dichiara la Portavoce Fiaschi.

Nello specifico il testo contiene le misure contro l’emergenza covid-19 e diversi provvedimenti specifici per il Terzo settore. A partire dalla previsione della cassa integrazione in deroga, per lavoratori di qualsiasi datore di lavoro e di qualsiasi dimensione, compresi gli enti del Terzo settore. Viene prorogato al 31 ottobre 2020 il termine, attualmente fissato al 30 giugno 2020 per l’adeguamento degli statuti per le Odv, Aps e Onlus che potranno approvare i propri bilanci entro il 31 ottobre prossimo. Anche per le imprese sociali il termine per l’adeguamento alla Riforma viene portato al 31 ottobre. I servizi educativi e scolastici sospesi potranno essere forniti con modalità alternative attraverso forme di coprogettazione con gli enti locali. Prevista anche per Odv, Aps e Onlus la sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. Non mancano poi misure di sostegno al lavoro estese a tutto il Terzo settore e misure fiscali a sostegno delle famiglie e delle imprese e provvedimenti a tutela delle persone con disabilità e delle loro famiglie con misure compensative di sostegno anche domiciliare. Presenti nel decreto anche importanti provvedimenti per sostenere il settore della cultura e quello sportivo. 

 “Non ci fermiamo – prosegue Fiaschi -. Non lo abbiamo mai fatto e continueremo ad andare avanti, compatibilmente con le disposizioni di legge. Molte delle nostre realtà sono state messe in ginocchio da questa crisi sanitaria e sociale. Circoli e associazioni chiusi, attività rallentate, operatori e lavoratori che non possono proseguire con le iniziative nelle quali erano impegnati”. “La nostra preoccupazione – conclude la Portavoce – va anche al dopo emergenza, la ricostruzione sarà molto impegnativa e richiederà un impegno forte di tutti quanti.”


Segue la Nota del Forum del Terzo Settore sul Decreto “Cura Italia”

 

Il Consiglio dei Ministri del, 16 marzo 2020, ha approvato il DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18 Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00034) (GU Serie Generale n.70 del 17-03-2020)

Diversi provvedimenti possono riguardare anche gli enti del Terzo Settore, i suoi dipendenti o collaboratori.

Riportiamo nel prospetto qui di seguito i più significativi, rimandando al Comunicato stampa del Governo del 16/03/2020  , al riepilogo degli interventi del MISE o ai media generalisti per altri approfondimenti.

 

Art provvedimento
  MISURE A SOSTEGNO DEL LAVORO
22 cassa integrazione in deroga. Applicata ai lavoratori di qualsiasi datore di lavoro, compresi gli enti del Terzo settore, (esclusi i datori di lavoro domestico) e di qualsiasi dimensione.
23 Congedo e indennità per i lavoratori dipendenti del settore privato, i lavoratori iscritti alla Gestione separata e i lavoratori autonomi per accudire i figli sino ai 12 anni. Il limite di età non si applica in riferimento ai figli con disabilità in situazione di gravità accertata, iscritti a scuole di ogni ordine e grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.  In alternativa è prevista la possibilità di scegliere la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 600 euro.
25 bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting per i dipendenti del settore sanitario pubblico e privato accreditato
24 Estensione della durata permessi retribuiti ex art. 33, legge 5 febbraio 1992, n. 104)
26 Il periodo trascorso in quarantena è equiparato a malattia
27, 28, 29, 30, 38 A professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa,  (Art. 27)Indennità lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago (Assicurazione Generale Obbligatoria), (Art. 28) Indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, (art 29) lavoratori del settore agricolo, (art 37) lavoratori iscritti al Fondo pensioni Lavoratori dello spettacolo, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a 50.000 euro. A tali lavoratori è riconosciuta un’indennità una tantum per il mese di marzo di 600 euro
35 Disposizioni in materia di terzo settorePer tutti gli ETS posticipato l’adeguamento degli statuti al 31/10/2020. Le Onlus, OdV, e APS possono approvare i bilanci o rendiconti entro il 31/10/2020.
37 Sospensione dei termini per il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per i lavoratori domestici
39 Diritto al lavoro agile per i lavoratori disabili
40 Reddito di cittadinanza. Sospensione delle misure di condizionalità per due mesi.
43 Contributi alle imprese per la sicurezza e potenziamento dei presidi sanitari
44 Istituzione del Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus COVID-19. Fondo a favore dei lavoratori dipendenti e autonomi, ivi inclusi i professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria che  in conseguenza dll’emergenza epidemiologica da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro
46 Sospensione delle procedure di impugnazione dei licenziamenti
47 Strutture per le persone con disabilità e misure compensative di sostegno anche domiciliare. A seguito della chiusura dei Centri socio-assistenziale, socio-educativo, polifunzionale, socio-occupazionale, sanitario  e socio-sanitario di riabilitazione estensiva ambulatoriali e similari per persone con disabilità, nonché nei centri l’attività dei medesimi è possibile attivare servizi sostitutivi per i beneficiari, disposizioni per i lavoratori, etc.
48 Prestazioni individuali domiciliari.  Durante la sospensione dei servizi educativi e scolastici possono essere forniti servizi alternativi attivati tramite coprogettazioni. Durante la sospensione dei servizi educativi e scolastici e dei servizi sociosanitari di cui al comma 1 del presente articolo, le pubbliche amministrazioni sono autorizzate al pagamento dei gestori privati dei suddetti servizi per il periodo della sospensione, sulla base di quanto iscritto nel bilancio preventivo.
  MISURE A SOSTEGNO DELLA LIQUIDITÀ ATTRAVERSO IL SISTEMA BANCARIO
49 Fondo centrale di garanzia PMI. Sono previste diverse misure di facilitazione di accesso.
51 Misure per il contenimento dei costi per le PMI della garanzia dei confidi
54 Fondo solidarietà mutui “prima casa. estensione dell’acceso al fondo anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti.
56 Misure di sostegno finanziario alle micro, piccole e medie impreseVarie misure tra cui: per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso sino al 30 settembre 2020.
57 Supporto alla liquidità delle imprese colpite dall’emergenza epidemiologica mediante meccanismi di garanzia
  MISURE FISCALI A SOSTEGNO DELLA LIQUIDITÀ DELLE FAMIGLIE E DELLE IMPRESE
60 Differimento dei versamenti fiscali e contributivi dal 16 al 20 marzo.
61 Sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. La sospensione già prevista per il settore turistico-alberghiero è estesa a enti che operano in vari ambiti di attività (es. sanità, cultura (cinema, teatri), sport, istruzione, etc) e anche ODV, APS e ONLUS  senza limite di fatturato.
62 Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi per gli altri soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro nel 2019.
63 Premio ai lavoratori dipendenti. Corresponsione di un premio a coloro che possiedono un reddito non superiore a 40.000 euro di 100 euro per il mese di marzo, da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese
64 Credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro
65 Credito d’imposta per botteghe e negozi
66 Erogazioni liberali a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19). Detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%,  per un importo non superiore a 30.000 euro per persone fisiche e per enti non commerciali che donano in favore dello Stato, delle regioni, degli enti locali territoriali, di enti o istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro,
67 riscossione e di contenzioso, da parte degli uffici degli enti impositori. Sono sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i termini relativi alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento.
68 Sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione,
73 Al comma 4 è riconosciuta alle associazioni e alle fondazioni che non abbiano regolamentato modalità di svolgimento delle sedute in videoconferenza, possono riunirsi secondo tali modalità.
  ULTERIORI DISPOSIZIONI
88 Rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura
89 Istituito il Fondo emergenze spettacolo, cinema e audiovisivo
90 Disposizioni urgenti per sostenere il settore della cultura. L’articolo prevede misure a sostegno del settore della cultura. In particolare, si prevede la destinazione della quota pari al 10% dei compensi incassati dalla SIAE al sostegno economico degli autori, degli artisti interpreti ed esecutori, e dei lavoratori autonomi.
95 Sospensione versamenti canoni per il settore sportivo. Per le associazioni e le società sportive, professionistiche e dilettantistiche sono sospesi i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.
96 Indennità collaboratori sportivi. E’ riconosciuta un’indennità  anche in relazione ai rapporti di collaborazione presso società e associazioni sportive dilettantistiche.
100 Istituito il “Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell’Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca
106,  107 differimento dei termini per lo svolgimento delle Assemblee e della approvazione dei bilanci per le società
120 Istituito un Fondo per Piattaforme per la didattica a distanza
121 Misure per favorire la continuità occupazionale per i docenti supplenti brevi e saltuari

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum