#Dalle Regioni #Normativa

“Dalle Regioni – Welfare e non solo”, aprile 2018 (n.2)

Il monitoraggio mensile sul welfare regionale a cura dell’Ufficio Studi del Forum Terzo Settore. 

 

 

 

 

 

ABRUZZO


BASILICATA


CALABRIA


EMILIA ROMAGNA

Con questa delibera vengono apportate integrazioni e modifiche alle Procedure e modalità per l’ammissione al contributo degli interventi strutturali previsti dal Fondo per il Dopo di Noi (DGR 1559/2017). Emilia-Romagna_DGR_257_2018

Sostenere l’accesso da parte delle famiglie a servizi che favoriscono la conciliazione vita-lavoro nel periodo di sospensione estiva delle attività scolastiche/educative e che costituiscono occasioni di apprendimento e strumenti di integrazione utili alla crescita dei bambini e dei ragazzi. E’ l’obiettivo del “Progetto per la conciliazione vita-lavoro: sostegno alle famiglie per la frequenza di centri estivi” approvato dalla Regione Emilia-Romagna. Emilia-Romagna_DGR_276_2018

Con questo provvedimento vengono approvati gli indirizzi concernenti l’apertura e l’organizzazione dei soggiorni socioeducativi di vacanza in struttura e dei centri estivi a favore di minori. Le funzioni di controllo e vigilanza sono attribuite ai Comuni e comprendono la vigilanza sul funzionamento delle strutture, dei servizi e delle attività, fatti salvi i controlli di competenza dell’autorità sanitaria.
Emilia-Romagna_DGR_247_2018


FRIULI VENEZIA GIULIA

Il Regolamento apporta modifiche al Regolamento di esecuzione per la  agevolata a favore dei privati cittadini, a sostegno dell’acquisizione o del recupero di alloggi da destinare a prima casa di abitazione,  di cui all’articolo 18 della LR 1/2016.
Link al BUR 14 del 2018, p. 52

Il provvedimento apporta modifiche al Regolamento di esecuzione per la disciplina delle iniziative di costruzione, acquisto e recupero di immobili finalizzate alla realizzazione di alloggi da destinare alla vendita, all’assegnazione e alla locazione in regime di edilizia convenzionata e degli incentivi destinati alle Ater, agli acquirenti e agli assegnatari (art.  17 della LR 1/2016).
Link al BUR 14 del 2018, p. 54


LAZIO

Le linee guida contengono le indicazioni necessarie per completare il processo di cambiamento in atto nella Regione Lazio circa il rafforzamento dell’integrazione tra politiche della salute e politiche sociali, in modo da rendere omogeneo il livello delle prestazioni su tutto il territorio regionale. Lazio_DGR_149_2018

Il provvedimento dispone l’adozione da parte della Regione Lazio delle Linee di indirizzo per l’Affidamento Familiare – considerate un importante strumento di indirizzo per la realizzazione dei programmi e dei progetti di affidamento familiare e per la prevenzione degli allontanamenti – e la loro diffusione, anche attraverso una formazione specifica per gli operatori sociosanitari.
Lazio_DGR_148_2018

Le modifiche introdotte riguardano i requisiti di qualità del personale, i requisiti di qualità organizzativo-gestionali, la valutazione del servizio e l’articolazione delle strutture (in particolare la cucina). Lazio_DGR_130-131-155_2018


LIGURIA


LOMBARDIA

La presenza dei senza dimora a Milano risulta nel complesso stabile e che un’elevata percentuale di essi (77%) trova ospitalità nelle strutture di accoglienza notturna del territorio: il dato risulta essere significativamente superiore a quelli di altri contesti italiani ed internazionali.

Dallo studio del Naga di Milano emerge che i pazienti più fragili sono quelli meno tutelati dal punto di vista sanitario, poiché non possono godere del diritto alle cure, all’iscrizione al sistema sanitario nazionale e all’assegnazione di un medico di base.


MARCHE


PIEMONTE

Con l’adozione Protocollo Tecnico regionale per l’accertamento dell’eta’ dei minori stranieri non accompagnati (MSNA), la Regione Piemonte stabilisce le modalità per tale accertamento e individua le Strutture Sanitarie Aziende Locali ed Ospedaliere preposte all’attuazione. Piemonte_DGR_6586_2018

Il provvedimento definisce i criteri e i principi generali in materia di contabilità delle Aziende, nomine e compensi ai Commissari delle IPAB e delle Aziende, compensi ai Direttori delle Aziende, in attuazione della LR 12/2017  Piemonte_DGR_6461_2018


PUGLIA

Attraverso questa legge, la Regione Puglia promuove l’agricoltura sociale quale strumento finalizzato a consolidare la gamma delle opportunità di occupazione e di reddito, favorendo l’integrazione in ambito agricolo e forestale di interventidi tipo educativo, sociale, socio-sanitario, di inserimento socio-lavorativo. Puglia_LR_9_2018


TOSCANA


TRENTINO ALTO ADIGE

L’esperienza dell’Assegno Unico Provinciale della Provincia di Trento è un’ambiziosa riforma nella direzione della ricomposizione delle principali misure di welfare erogate a livello provinciale, tra le quali il Reddito di Garanzia introdotto nel 2009. Tra gli obiettivi anche la realizzazione di un unico portale di accesso alimentato dalla compilazione di un unico modulo di domanda. La riforma comporta inoltre un notevole rafforzamento delle risorse per le politiche sociali, con una previsione di spesa di 77-80 milioni di euro a fonte dei 57 del 2017.


UMBRIA


VAL D’AOSTA

Istituiti gli assegni di ricerca dedicati a giovani laureati e laureandi in materie socio-sanitarie.


VENETO

Con questo provvedimento viene approvato il Protocollo d’Intesa tra la Regione Veneto e il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali finalizzato all’implementazione del modello di intervento P.I.P.P.I., volto a prevenire l’allontanamento del minore dalla propria famiglia attraverso una serie di interventi innovativi di sostegno della genitorialità. Veneto_DGR_200_2018

 

Qui il numero di marzo di “Dalle Regioni”.

Segui il Forum Terzo Settore su Facebook e Twitter.

 

Collaborazioni

acri
anci
caritas
buone notizie
Dire
fondazione triulza
istat
mecenate
minstero del lavoro
Next
finanza sostenibile
redattore sociale
Social economy
unioncamere
welforum